IL VATICANO E I CRIMINI SESSUALI

20020518_preti_pedofili_436x369Tutti nella loro vita hanno sentito parlare direttamente o indirettamente di preti che usavano il sacramento della confessione per fare avances sessuali ai/alle penitenti. Questo fatto è già di per sè gravissimo ma di fronte a quello che sto per raccontarvi e mostrarvi attraverso dei video è veramente l’ ultima parte della punta di un iceberg che giace veramene sott’ acqua, nel senso che di questi avvenimenti non si è mai venuti a conoscenza perchè la Chiesa ha attuato una vera e propria strategia del silenzio. Il canale “CURRENT” della piattaforma satellitare SKY ha mandato in onda un documentario intitolato “IL VATICANO E I CRIMINI SESSUALI” che tratta degli abusi sessuali dei preti nei confronti di bambini, e della strategia di copertura e di silenzio adottata dalla Chiesa per mettere tutto a tacere. A realizzare questo documentario è stato una delle tante vittime ,Colm O’ Gorman, che ha voluto raccogliere le testimonianze di altre vittime nonchè le considerazioni di Padre Tom Doyle, esperto di Diritto Canonico ( l’ insieme delle norme giuridiche della Chiesa), riguardo a ciò. Colm con l’ aiuto di Padre Doyle ha messo alla luce alcuni punti oscuri di un documento riservato che è stato stilato dalla Chiesa nel 1962 e che tratta appunto dei crimini sessuali commessi dagli ecclesiastici. La peculiarità di questo documento è l’ assoluta segretezza riguardo alle denunce di abusi sessuali nei confronti dei preti, anche con le autorità giudiziare che vogliono procedere contro questi ultimi. Il documento di cui sto parlando è il CRIMEN SOLLICITATIONES custodito in Vaticano a cui capo come sappiamo bene c è il PAPA…

In altre parole preti accusati di abusi sessuali nei confronti di minori non vengono scomunicati,allontanati o condannati, ma semplicemente spostati di parrocchia in parrocchia e, ovviamente molti di loro si sono resi protagonisti di nuovi abusi su altri bambini. Dunque in questa parte del documento vi è sì un’ “assistenza” per i preti accusati, ma non per le vittime di questi ultimi che anzi vengono messe a tacere attraverso l’ applicazione del sigillo della Confessione a quanto loro confidano ingenuamente ad altri preti riguardo agli abusi subiti, ed inoltre vengono minacciate di scomunica se non manterrano fede al sigillo. Nei video che troverete in basso potete notare anche i criteri di scelta delle vittime da parte di alcuni preti che hanno trascritto su un diario personale come adescare i bambini “prescelti”.

13 novembre 2009 at 13:10 1 commento

IL DIRITTO (DIUMANO) DI MANIFESTARE

La ragazza uccisa durante la protesta dello scorso sabato a Teheran si chiamerebbe Neda Soltani. Aveva 26-27 anni ed era una studentessa di filosofia, secondo testimonianze riportate sui social network Twitter e Facebook e su altri siti web. La causa della morte è, secondo i manifestanti, lo sparo di un cecchino da un edificio, mentre la ragazza si trovava in via Karegar, a Teheran, durante la manifestazione anti-governativa che chiede nuove elezioni presidenziali nel Paese.

Oltre alle immagini della morte di Neda e del suo volto insanguinato (pubblicate dalla stampa di molti Paesi, anche in Medio Oriente e impugnate a manifestazioni di protesta da Los Angeles a Istanbul), è emersa su internet un’altra foto della ragazza. Seria, con i capelli castani coperti da un foulard nero a fiori. Esistono due video della sua morte: il più lungo è stato girato con un cellulare, e mostra la ragazza sorretta da diverse persone mentre cade al suolo; c’è una macchia di sangue ai suoi piedi. Poi due uomini cercano di rianimarla, ma dopo pochi secondi perde conoscenza e comincia a sanguinare. Un uomo accanto a Neda, il presunto padre, urla il suo nome in farsi: «Neda, non aver paura, Neda non aver paura! Neda, resta con me, resta con me!». L’altro video, più breve, è girato da qualcuno che arriva correndo e inizia a riprendere la scena quando la ragazza è già sull’asfalto.

La storia di Taraneh è solo l’ultima, in ordine di tempo, che va a riempire un elenco non si sa ancora quanto lungo. Lei era una ragazza iraniana che, come centinaia di suoi coetanei e coetanee, ha partecipato alle manifestazioni di protesta a Teheran all’indomani delle elezioni che hanno confermato Ahmadinejad alla guida del paese. Le sue tracce si perdono il 28 giugno quando viene arrestata insieme a dei manifestanti vicino alla moschea di Ghoba. Taraneh non stava partecipando alla vicina manifestazione di protesta, si stava recando al centro di formazione e bellezza (BTE) dove segue dei corsi. Probabilmente la sua avvenenza ha attirato i poliziotti in borghese che l’hanno caricata insieme ad altri studenti manifestanti su una camionetta e portata al centro di detenzione. Tutti i detenuti sono stati smistati per il carcere di Evin o per la centrale di polizia di Nobonyad, mentre Taraneh è rimasta la sola nel centro di detenzione. Qui è stata stuprata ripetutamente e brutalmente dai poliziotti per diverse settimane.

Alcuni giorni fa la madre di Taraneh riceve una telefonata anonima da un agente governativo che le comunica che la figlia è stata ricoverata all’ospedale Imam Khomeini nella città di Karaj a nord di Tehran, riportando il ventre e l’ano sfondati in uno “sfortunato incidente”. Quando la famiglia è giunta in ospedale Taraneh non era stata registrata, un infermiera in via confidenziale ha riferito che qualche giorno prima una ragazza che corrispondeva alla descrizione di Taraneh era stata portata in ospedale in stato di incoscienza, ma che era stata portata via dalla polizia poche ore dopo.

Ieri la famiglia è stata informata che un corpo carbonizzato presumibilmente corrispondente alla descrizione della figlia è stato rinvenuto nel deserto tra la città di Karaj e Qazin, la famiglia è stata pesantamente minacciata di non rendere pubblico l’arresto della figlia.Secondo il blogger anglo-iraniano Potkin Azarmehr, «se il regime uccidesse i manifestanti li renderebbe dei martiri». Tenendoli in carcere, invece, li rende invisibili. Nella puntata di “CHE TEMPO CHE FA ” dell’ 11 Novembre 2009 Roberto Saviano ripercorre gli ultimi attimi di vita delle due giovani vittime e racconta con straordinaria efficacia il clima e l’ atmosfera in cui i LIBERI CITTADINI vivono sotto un regime dittatoriale, nella fattispecie quello iraniano di Ahmadinejad. GRAZIE ROBERTO! SIAMO CON TE!

                                                                                          Kelevra09

12 novembre 2009 at 19:37 1 commento

Sane verità su quanto accade veramente con l’influenza suina

influenza-suinaPer favore fate girare e diffondete il più possibile.

L’IRONIA NEL SUO MIGLIOR STILE

2000 persone contraggono l’influenza suina e ci si mette la mascherina… 25 milioni di persone con AIDS e non ci si mette il preservativo…

PANDEMIA DI LUCRO

Che interessi economici si muovono dietro l’influenza suina?

Nel mondo, ogni anno, muoiono milioni di persone, vittime della malaria, i notiziari di questo non parlano…

Nel mondo, ogni anno muoiono due milioni di bambini per diarrea che si potrebbe evitare con un semplice rimedio che costa 25 centesimi…

I notiziari di questo non parlano…

Polmonite e molte altre malattie curabili con vaccini economici, provocano la morte di 10 milioni di persone ogni anno. I notiziari di questo non parlano…

Ma quando comparve la famosa influenza dei polli…i notiziari mondiali si inondarono di notizie…un’epidemia e più pericolosa di tutte, una pandemia!

Non si parlava d’altro, nonostante questa influenza causò la morte di 250 persone in 10 anni…25 morti l’anno!!

L’influenza comune, uccide ogni anno mezzo milione di persone nel mondo. …Mezzo milione contro 25.

E quindi perché un così grande scandalo con l’influenza dei polli?

Perché dietro questi polli c’era un “grande gallo”. La casa farmaceutica internazionale Roche con il suo famoso Tamiflu, vendette milioni di dosi ai paesi asiatici. Nonostante il vaccino fosse di dubbia efficacia, il governo britannico comprò 14 milioni di dosi a scopo preventivo per la sua popolazione. Con questa influenza, Roche e Relenza, ottennero milioni di dollari di lucro.

Prima con i polli, adesso con i suini: e così adesso è iniziata la psicosi dell’inflluenza suina.

E tutti i notiziari del mondo parlano di questo.

E allora viene da chiedersi: se dietro l’influenza dei polli c’era un grande gallo, non sarà che dietro l’influenza suina ci sia un “grande porco?”.

L’impresa nord americana Gilead Sciences ha il brevetto del Tamiflu. Il principale azionista di questa impresa è niente meno che un personaggio sinistro, Donald Rumsfeld, segretario della difesa di George Bush, artefice della guerra contro l’Iraq…

Gli azionisti di Roche e Relenza si stanno fregando le mani… felici per la nuova vendita milionaria.

La vera pandemia è il guadagno, gli enormi guadagni di questi mercenari della salute…

Se l’influenza suina è così terribile come dicono i mezzi di informazione, se la Organizzazione Mondiale della Salute (diretta dalla cinese Margaret Chan) è tanto preoccupata, perché non dichiara un problema di salute pubblica mondiale e autorizza la produzione farmaci generici per combatterla?

DIFFONDETE QUESTO MESSAGGIO COME SE SI TRATTASSE DI UN VACCINO, PERCHE’ TUTTI CONOSCANO LA REALTA’ DI QUESTA “PANDEMIA”.

Suggeritomi da Mark03

6 novembre 2009 at 21:21 Lascia un commento

Come mandare sms illimitati gratis o a solo un centesimo

skebbyEcco il nuovo programma, che dopo Skype, nasce dalla rete per metterlo a quel servizio alle compagnie telefoniche eheh… si chiama Skebby e non è una truffa. Questo programma creato dal 24enne Comasco, Davide Marrone,  permette di inviare sms gratuiti illimitati a chi possiede tale programma oppure verso tutti pagando solo un centesimo, qualunque sia l’operatore telefonico! Per accedere a questo servizio basta fare 3 semplici passi:

1) Verificare che il proprio telefonino navighi in internet e che il punto di accesso sia corretto

2) Scaricare gratis il programma sul cellulare tramite il sito

3) Installare il programma, la prima volta bisognerà inserire i propri dati come username e password etc etc

Infine buon divertimento e buon risparmio!!

11 ottobre 2009 at 13:38 Lascia un commento

Lo scudo fiscale passa grazie al PDmenoelle

Lo scudo fiscale è l’ennessima legge vergogna del nostro governo, che permette cose assurde, come il rimpatrio di capitali di qualsiasi tipo, anche mafiosi, che potranno tornare in Italia e solo il 5% andrà al nostro stato! La gravità non solo sta nel fatto che alla provenienza dei capitali non verrà proprio dato conto, ma “tutto ciò sarà uno schiaffo morale per gli italiani che pagano onestamente le tasse” al 15/27/35/50%, visto che verrano premiati gli evasori fiscali. Su ciò è d’accordissimo il leader attuale il PD,  Franceschini, infatti ciò che ho segnalato tra parentesi sono sue testuali parole! Ma cosa fa un leader così forte è carismatico? sarà in parlamento a lottare contro lo scudo? ma certo che no! la legge infatti riesce a passare grazie all’assenteismo dell’opposizione, con 51 assenti per il PD, 5 dell’ UDC e 2 dell’ IDV ma bastano solo pochi voti contari e la legge non sarebbe passata, in senato solo 20! Ora rimane solo il presidente Napolitano a salvarci ma ha già garantito che lo firmerà, di ciò non avevo dubbi, dopo il lodo Alfano ha lo stomaco per firmare tutto. Cmq ecco a voi l’elenco degli assenti tra cui spiccano i nomi di alcuni leader carismatici come Franceschini, D’alema e Bersani. Mi raccomando leggete l’elenco e diffondete i nomi, tutti hanno il diritto a sapere che il PD non è il “governo ombra”, ma è il vero e proprio governo insieme il PDL!Elenco

3 ottobre 2009 at 11:40 Lascia un commento

Bacoli come Venezia… Magari!

21 SETTEMBRE – Le giornate scorse hanno regalato ai cittadini di Bacoli un assaggio di quello che probabilmente sarà il solito inverno costellato di fosse e tombini saltati su tutto l'”agevolissimo” manto stradale del comune. In particolar modo bisognerebbe soffermarsi sul caso di questa notte, che ha riconfermato la disastrosa situazione in cui versa la viabilità delle strade.

Ore 21.15, la pioggia comincia a scendere con forza, accompagnata dal temporale che solitamente si manifesta durante il cambio di stagione. Nulla di nuovo insomma. Le persone cominciano a ritirarsi con le loro auto per evitare imprevisti. Daltronde non si è dimostrata affatto una giornata adatta ad una serata fuori con gli amici.

Ore 21.25; dieci minuti, solo dieci perchè tutta Bacoli si trasformasse in una piccola Venezia, con le seguenti differenze: L’acqua non proveniva dal mare, bensì dalle fogne; non c’erano gondole che seguivano il “canale”, ma zattere di immondizia e auto galleggianti; il fondale di questi canali andrebbe utilizzato nonper far nuotare i pesci, ma per far circolare veicoli dotati di pneumatici. A dirvela tutta, non mi sorprenderei di trovare qualche triglietta per la strada, una volta che il fiume ritorni alla sua secca.

Ore 21.35, nulla di invariato dal punto di vista meteorologico, ma se ne vedono di tutti i colori: la mia auto nella rotonda di Cappella cominciava a fare su e giù, e poco dopo ci siamo accorti che l’acqua stava una ventina di centimetri più in basso del finestrino. Tra chi pensava che tra poco ci saremmo trovati su un muretto e chi credeva di essere in un film, la fortuna ci ha assistito. L’auto non si è spenta, e nonostante balzasse sulla strada siamo riusciti a fare marcia indietro e a tornare dove l’acqua era più bassa. Saliamo per Cappella, dove assistiamo alla discesadel fiume, e alla parata delle auto sui marciapiedi non ancora sommersi. Ci fermiamo per un pò, sperando inutilmente che la pioggia diminuisca e ci permetta di navigare meglio, ma niente. Continuiamo allora a procedere per la nostra visita turistica per i canali di Bacoli, finchè appare una nuova attrazione: i Tombini Esaltati giù al mazzone!! Gratis si può ottenere un giro omaggio tra: il solito fiume di liquame, autostacoli per rendere il giro più travolgente ma soprattutto i tombini senza tappo nascosti per tutto il tragitto dall’acqua! Il giro non pareva piacere alla maggior parte delle persone, che erano costrette a lasciare l’auto e camminare nel liquame, cercando informazioni e dando una mano ai ragazzi sui motorini e alle auto cadute nei tombini. Dopo aver apprezzato il gesto di due persone, un benzinaio e un altra persona di un pub della strada, che hanno aiutato un ragazzo con l’auto bloccata nel tombino (poche volte si assiste ad un evento simile tra esseri umani), decidiamo di fare inversione e andiamo a nostro malgrado contromano per la strada di via Cirillo,  decidendo di prendere la strada per Baia. Una volta arrivati a fusaro senza troppi problemi ma con qualche pezzo dell’auto fuori posto, notiamo un cumulo di mattoni nei pressi della sella di Baia; è caduta la parete che avrebbe dovuto contenere le eventuali frane del terreno che spesso hanno bloccato la strada. L’evento è emblematico: non è franato il terreno, ma la costruzione fatta dall’uomo, tanto per rendere l’idea dell’utilità di questi lavori.

Alle 11 circa, riusciamo a fare ritorno alle nostre case, ricordando l’esperienza fatta qualche ora prima, e chiedendosi di chi possa essere la colpa di tutto ciò. Ma in fondo non c’è davvero nulla da chiedersi, c’è solo da rimboccarsi le maniche e ricordare a chi di dovere come si costruisce una vera strada.

Sperando di aver reso l’idea, voglio nominare le strade che meritano il Premio di “CANALE DELL’ANNO”:

La famossissima Via Giulio Cesare meglio conosciuta come la strada della Selenia!

La Rotonda di Miliscola, dove l’altezza dell’acqua ha raggiunto cifre da Guinness!

Continuando per Via Giulio Cesare, un apprezzamento speciale va alla cosiddetta strada di “giù al mazzone”!

E con questa frase chiudo:

“ma po’ quanno chiove
l’acqua te ‘nfonne e va
tanto l’aria s’adda cagna’”

Bacoli e l'Apocalisse

21 settembre 2009 at 11:59 3 commenti

Ecco alcuni consigli su come aiutare l’ambiente nel nostro piccolo

Circa i due terzi del totgreen_worldale annuo di anidride carbonica viene dalle nostre case, dai nostri viaggi e spostamenti, dalle cose che compriamo, quindi queste sono aree in cui le singole persone modificando i propri comportamenti, possono fare la differenza. In questo articolo speghiamo come i singoli individui e organizzazioni possono ridurre le emissioni di anidride carbonica di almeno 10%.

Energia – Riscaldamento ed Elettricità Riscaldamento

• Sostituire la caldaia se vecchia più di 10 anni • Abbassare il termostato

• Spegnere radiatori nelle sale e ingressi

• Migliorare l’isolamento, compreso il solaio, nelle cavità delle pareti, battiscopa e intorno alle porte

• Strati di felpe, maglioni e Cardis

• Acquistare una stufa a legna

• Pannelli solari

• Fotovoltaico Elettricità

• Spegni le apparecchiature quando non le usi, ad esempio tv

• Passare a lampadine ecologiche, LED

• Sostituire frigoriferi e congelatori vecchi e inefficienti

• Utilizzare una TV a schermo piccolo

• Utilizzare un contatore che mostra l’utilizzo di energia elettrica

• Non utilizzare l’ asciugatrice se è possibile evitarlo Acqua

• Farsi docce, invece che bagni

• Accendere la lavastoviglie o la lavatrice quando è piena e alla temperatura più bassa

• mettere mattoni nella cisterna del WC

. Cibo La famiglia media getta via l’equivalente di €50 di cibo ogni mese, quindi:

• Non acquistare o cucinare più del necessario

• Fai il compostaggio dei rifiuti alimentari

• Acquistare prodotti alimentari che si producono localmente e di stagione

• avere almeno un giorno in cui non si mangia carne a settimana e ridurre il latticini.

• Non acquistare cibi pronti o cibi gia’ lavorati

• Coltiva il tuo orto. Vestiti e beni di consumo

• Compra abbigliamento di buona qualità che dura

• Ripara le cose che si rompono

• Compra di seconda mano (compresi i telefoni cellulari)

• Prendere in prestito da amici e vicini di casa se si tratta di qualcosa di cui hai bisogno di utilizzare solo occasionalmente

• Evitare l’eccesso di packaging

• Non comprare cose inutili di cui non si ha realmente bisogno

• Riciclare tutto ciò che è possibile, compresi i computer e dispositivi elettronici. Questa mi sembra difficile🙂

• Compra fibre fatte a mano (poliestere è il nuovo nero)

Viaggiare

• Viaggia meno in aereo

• Lascia a casa la macchina per brevi tragitti

• Cammina piedi, vai in bicicletta o prendi i mezzi pubblici

• Partecipa ai club di auto, per la condivisione della macchina per viaggiare.

• Controllare la pressione dell’aria dei pneumatici ogni mese

• Compra una macchina elettrica.

• Fai la spesa online. Al nord Italia e al nord Europa tutti i grandi supermercati hanno il sito eCommerce e i loro clienti possono fare la spesa online.Fare la spesa online sarebbe anche un ottimo modo per evitare epidemie influenzali, evitando i posti affollati.

P.S. L’articolo è stato preso dalla fanpage di Clean and Secure Energy Future – Pressure group

20 settembre 2009 at 13:43 1 commento

Articoli meno recenti


Calendario

agosto: 2016
L M M G V S D
« Nov    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Progetti, Battaglie e informazione

Il nostro Banner:


Banner di siti a cui aderiamo:
Basta! Parlamento pulito




Blog contro la munnezza
diffondi





Contatore Visite:
contatore sito web


Locations of visitors to this page


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.